Archivi tag: Music of the Spheres

Lancio MotS posticipato al 2008

La Universal Music Italia ci ha comunicato oggi che il lancio del nuovo album è stato posticipato al 2008 (probabilmente a Febbraio, ma la conferma ufficiale l’avremo fra qualche giorno), in quanto la moglie di Oldfield è in dolce attesa ed il pargolo dovrebbe nascere a dicembre 2007. Pertanto Mike non riesce a dedicarsi al lancio dell’album e vista l’importanza del progetto, la Universal ha deciso di farlo slittare al 2008. Il sito Amazon inglese da come data del rilascio il 14 Gennaio 2008.

Video Promo Parte 1 – MotS EPK

Traduzione:
MO: “La Musica delle Sfere, così come la intendo io, proviene dall’antichità, dove si riteneva che esistesse un rapporto matematico fra il movimento dei pianeti e le armoniche della musica. Ci sono tante onde sonore musicali che vagano nell’aria.”
KJ: “E’ un’idea veramente innovativa, mettere quel genere di suoni, se volete, in forma orchestrale.”

UN GRANDE DEBUTTO NELL’OPERA CLASSICA PER ORCHESTRA E CORO

MO: “Potrei creare un brano musicale che suoni orchestrale solo usando il software nel mio computer. Però non saprei come trasformarlo in uno spartito e presentarlo al direttore d’orchestra e a tutto lo staff organizzativo – questo è uno dei motivi per i quali ho lavorato con Karl.”
KJ: “Così mi sono trovato davanti questi frammenti di alcune idee alle quali Mike aveva lavorato – melodie ed armonie – ed abbiamo discusso gli elementi dell’orchestrazione, di cosa gli sarebbe piaciuto e che cosa non avrebbe gradito.”
MO: “Mentre Karl scriveva gli spartiti delle canzoni sapeva già come queste avrebbero suonato.”
KJ: “Lo studio per la registrazione è stato prenotato nella meravigliosa Abbey Road” (ndr: dove i Beatles hanno registrato la loro musica – ricordate la famosa foto dove camminano su un passaggio pedonale? quella è Abbey Road) “e insieme all’orchestra che ho diretto ci siamo recati lì per registrare.”
MO: “Appena Karl iniziò a dirigere, sentii i peli addrizzarsi sulle mie braccia.”

PRESENTA COME OSPITE LA CANTANTE LIRICA HAYLEY WESTENRA
INOLTRE PRESENTA LE PERFORMANCE DEL CELEBRE PIANISTA LANG LANG

MO: “È musica classica questa? Direi di sì – almeno è la mia idea di musica classica!”

PROSSIMAMENTE25

Mike a Berlino

Anche se nulla lo dava da intendere, alla presentazione berlinese di “Music of the Spheres“, si è presentato a sorpresa anche Mike Oldfield, il quale, molto simpatico e divertito, ha parlato del nuovo album e della possibilità, se le vendite dell’attuale disco saranno all’altezza, di realizzare altri nuovi album sulla stessa linea. Durante l’incontro, Mike si è recato tra il pubblico e ha risposto ad alcune domande. E’ disponibile una sua foto durante l’intervento alla conferenza stampa.

Musica delle Sfere, di Mike Oldfield

In questo mondo, tutto pulsa o vibra. Questo suono è unico per ogni cosa vivente o non vivente e genera in sé stessa una musica che nessuno può sentire. Credo che questo abbia una rilevanza molto potente ed un effetto profondo sulle nostre vite. Che cosa accadrebbe se tutto questo lo applicassimo alle cose più grandi, molto più potenti; come un intero sistema solare o una galassia, come sarebbe quel suono?
Musica Universalis è la teoria antica che ogni corpo celeste, il sole, la luna e le stelle, ha una sua musica interna. Ciò è un concetto armonico e matematico derivato dai movimenti dei pianeti nel sistema solare. La musica generata non può essere sentita dall’orecchio umano.
Musica delle Sfere è la mia interpretazione di questa teoria. Ogni pianeta ed ogni stella, persino l’intero universo, ha al suo interno musica che nessuno può sentire, musica che suonerebbe se potesse farlo. Questa è Music of the Spheres.

Questo testo promozionale scritto da Mike è stato pubblicato oggi sul sito Amazon inglese nella pagina dedicata al nuovo album.

Lista brani “Music of the Spheres”

Stando a quanto pubblicato oggi sul sito Tubular.net, la lista dei brani del nuovo album dovrebbe essere la seguente:
Prima Parte
01. Harbinger (04’04”)
02. Animus (03’09”)
03. Silhouette (3’19”)
04. Shabda (3’56”)
05. The Tempest (5’48”)
06. Harbinger (reprise) (1’30”)
07. On My Heart (2’27”) (voce di Hayley Westenra)
Seconda Parte
08. Aurora (3’42”)
09. Prophecy (2’54”)
10. On My Heart (reprise) (1’16”)
11. Harmonia Mudi (3’46”)
12. The Other Side (1’28”)
13. Empyrean (1’37”)
14. Musica Universalis (6’24”)
Durata totale: 45’33”
L’album, orchestrato e diretto da Karl Jenkins, prodotto dalla Mercury Records (e non dalla Universal Classics) sarà rilasciato su CD e, per la prima volta per un album di musica classica, su USB flash drive (penna USB). La data dell’uscita in Inghilterra è stata posticipata al 12 Novembre, mentre per l’Italia ancora non abbiamo informazioni.

Intervista su ClassicFM

Il 17 luglio, Mike ha rilasciato una breve intervista durante il programma “The Guest List Podcast” condotto da Anne-Marie Minhall. L’intervista, nella quale Mike non da ulteriori significativi dettagli sul nuovo album, può essere scaricata oppure ascoltata direttamente dal sito ClassicFM. Un breve riassunto:
-l’album sarà di musica classica per orchestra, piano forte e chitarra classica;
-Mike Oldfield suonerà il piano forte e la chitarra;
-non ci saranno chitarre elettriche (per la prima volta in un suo album);
-le parti per orchestra sono state trascritte su spartito con il software Sibelius e adattate da Karl Jenkins (Soft Machine, Adiemus);
-le registrazioni di alcune parti negli studi di Abbey Road sono iniziate il 6 Giugno e sono state concluse il 5 Luglio;
-la cantante lirica Hayley Westenra partecipa all’album insieme al pianista cinese Lang Lang;
-l’album avrà il titolo “Music of the Spheres” e dovrebbe essere rilasciato il 12 Novembre 2007, sotto l’etichetta Mercury Records con il numero di catalogo 4766206.