Archivi tag: CHANGELING

Breve riassunto biografico

Un breve riassunto dell’autobiografia di Mike, “Changeling”, pubblicata dalla Virgin Books il 10 Maggio, è apparso oggi sul sito di informazione britannico “Canary Wharf”. Alcuni interessanti particolari trapelano dal racconto/intervista di Hannah Stephenson, come la dichiarazione di Mike di avere otto figli, mentre a tutti noi risultavano solo sei: tre con Sally Cooper, due con Anita Hegerland e infine, uno con l’attuale moglie, Fanny.
Escludendo alcuni risaputi dettagli del periodo dei suoi esordi, abbiamo tradotto un breve estratto riguardante la sua vita privata:
“Vive insieme alla sua seconda moglie Fanny, di 23 anni più giovane ed al loro figlio Jake, nella loro proprietà di 5 milioni di Sterline in Gloucestershire. La vita familiare è ottima ora, dice, ma è stato duro arrivarci.
Negli anni ’70 Mike sposò Diane Fuller, del corso di Exegesis che seguiva a quei tempi, ma l’unione durò appena tre mesi.
Presto dopo, è iniziato un lungo rapporto con la P.R. Sally Cooper, con la quale ha avuto tre bambini. Alla fine la lasciò per la cantante norvegese Anita Hegerland, con la quale ha avuto altri due bambini.
Ad un certo punto della sua vita, Mike ha pubblicato sui giornali nazionali, nella rubrica per cuori solitari, un annuncio per la ricerca di una donna per relazione romantica e dichiara di essersi divertito molto, anche se fu alla metà degli anni ’90 – quando ha progettato e costruito la casa dei suoi sogni ad Ibiza – che è venuto a contatto con Fanny, la quale stava lavorando all’epoca in un albergo sul posto.”

Changeling: breve riassunto

Libro ben scritto che descrive soprattutto la fascia di tempo 1953-1978. Molte cose si sapevano, ma Mike ha arricchito tutto con nomi, dettagli e luoghi molto precisi.
Parla della difficile relazione con la famiglia, soprattutto con suo padre, e in minor misura con i fratelli, che ha poi caratterizzato anche la sua musica oltre alla personalità. Non ha avuto una vita facile, lui stesso lo confessa parlando con sincerità dei suoi problemi di alcol e droga e del suo difficile inserimento nella società.
Mike parla del suo essere asociale come di un problema che ha sempre avuto, senza negarlo o giustificarsi.
Interessante il capitolo sulle sue riflessioni su fama e successo: anche se c’è una buona dose di divismo ha avuto chiaro in mente come sia stata la sua vita. Gli attacchi di panico, il peggiore dei quali durante il tour del 1984, hanno contribuito sicuramente alle insicurezze visibili nella sua carriera.
Curioso il fatto che a metà della realizzazione di Incantations abbia perso tutta la sua ispirazione, cosa che lo costrinse a concludere l’opera con grande sforzo. Lui stesso ammette che i problemi economici derivati dal rovinoso tour del ’79 e i poveri diritti che gli lasciò Branson, orientarono il cambiamento nel suo modo di fare musica: una musica che non lo soddisfaceva al livello personale, perché non la sentiva sua, come quella del periodo 1982-1989. E’ un fatto che in questo periodo seguì alla lettera le istruzioni di Branson e della Virgin sulla struttura dei dischi, dei video (che detestava fare), ecc… Oltretutto il periodo coincise con le sue 2 grandi crisi familiari del 1985 e del ’91 (la rottura con Anita fu la più traumatica).
Da qui, opere come Amarok, della quale è molto soddisfatto, furono come una ribellione nei confronti della casa discografica.
Del periodo ’92 – 2007 Mike parla molto poco, più della sua attività discografica che della sua vita privata, forse per non creare problemi alle persone con le quali vive attualmente. Sembra di capire che la Warner ebbe abbastanza a che vedere con il lavoro di Mike e che tanto Clive Banks come Rob Dickins diressero molto i passi di Mike (incluso in TSODE).
In generale nel libro Mike traccia un profilo di sé stesso a tinte forti tralasciando un po’ le altre persone, mettendo pace con gli altri e con sé stesso. E anche se dice di non avere più né la motivazione, né l’ispirazione musicale di un tempo, si dichiara felice per rappresentare qualcosa nel panorama musicale attuale.

Changeling – Autobiografia

Stando a quanto pubblicato sul sito Amazon inglese, la data esatta dell’uscita del libro autobiografico di Mike, sarà il 10 maggio 2007. Ricordiamo che il titolo del libro, realizzato in collaborazione con Jon Collins, è “CHANGELING”, nome ispirato ad un’antica leggenda irlandese che parla di elfi che cambiarono i loro figli handicappati con dei bambini con doti artistiche. Il titolo è un chiaro riferimento all’infermità mentale della madre di Mike, Maureen, e alla nascita di un fratello di Mike affetto da sindrome di Down e morto subito dopo la nascita.
I soldi ricavati dalla vendita del libro, nei primi due anni, saranno devoluti in beneficenza alla casa di cure mentali per bambini “Sane”, insieme ai soldi risultati dalla vendita all’asta della Fender Telecaster 1967, chitarra che Mike usò nella realizzazione dei suoi primi album.
Il libro uscirà inizialmente in lingua inglese, ma alcune voci parlano anche di edizioni tradotte in tedesco e spagnolo.
Il prezzo è di circa 27,12 Euro tutto incluso.

CHANGELING: Autobiografia

Bimbo sostituito” è la traduzione letteraria del titolo dell’autobiografia di Mike ormai prossima al lancio. Ricco di fotografie e con un volume di 288 pagine, il libro pubblicato dalla Virgin Books, descrive tra altre cose i problemi di salute mentale subiti da Mike e dovuti principalmente al enorme successo del suo primo album, Tubular Bells. Per questo motivo Mike ha deciso che gli introiti dei primi due anni della vendita del libro saranno dovuti in beneficenza ad un centro di igiene mentale per ragazzi. La data approssimativa dell’uscita è maggio 2007.

AGGIORNAMENTO: oltre agli introiti descritti sopra, Mike ha deciso di mettere all’asta anche la mitica chitarra con la quale suonò nei primi suoi album e devolvere il guadagno alla stessa struttura di igiene mentale, Sane. “Per tanto tempo ho desiderato raccontare la mia storia, specialmente i momenti bui e difficili passati durante la realizzazione dei primi album. Questo libro è il mio modo di lasciare alle spalle il passato e spero che potrà aiutare gli altri ad affrontare le prove delle proprie vite” – ha dichiarato Mike sul sito del co writer Jon Collins.