Archivi tag: 2001

Continuano i lavori per MusicVR

A dicembre, Mike ha effettuato alcune registrazioni per il suo nuovo album e per MusicVR, nello studio di PLAN1 a Monaco di Baviera. E’ stato molto contento dall’atmosfera cordiale in cui ha lavorato e dall’alta tecnologia con cui è stato equipaggiato lo studio. Il missaggio e la programmazione sono state curate da Thomas Süssmeier e Philip Lewis. Altri dettagli sul sito PLAN1

L’exorciste: Tubular Bells Part 1

La doppia compilation francese Travelling, dedicata alle colonne sonori dei film più conosciuti, contiene l’inizio della prima parte di Tubular Bells. Potete ordinarlo su Amazon.fr.

Lista brani
Disco 1
1. In The Mood For Love : Yumeji’s Theme – Umebayashi Shigeru
2. In The Mood For Love : Chan Chan (Live) – Cuarteto Patria, Eliades Ochoa
3. Le Peuple Migrateur : Tambours Battants – Bruno Coulais
4. Le Fabuleux Destin D’amélie Poulain : Si Tu N’etait Pas Là – Frehel
5. Chaos : Rose Rouge – St Germain
6. The Virgin Suicides : Playground Love – Air
7. Roméo Et Juliette : Balcony’s Scene – Craig Armstrong
8. O’ Brother : Down The River To Pray – Alison Krauss
9. The Big Lebowsky : The Man In Me – Bob Dylan
10. Paris Texas : Paris Texas – Ry Cooder
11. Bagdad Café : Calling You – Jevetta Steele
12. Reservoir Dogs : Stuck In The Middle With You – Steelers Wheel
13. The Full Monty : You Sexy Thing – Hot Chocolate
14. Jackie Brown : Across The 110th Street – Bobby Womack
15. Pulp Fiction : Lonesome Town – Ricky Nelson
16. Pulp Fiction : My Heart Will Go On – James Horner Orchestra
17. La Leçon De Piano : The Heart Asks Pleasure – Michael Nyman
18. Himalaya : La Mort De Lhakpa – Bruno Coulais
19. Microcosmos : Microcosmos – Bruno Coulais
20. 1492 : Conquest Of Paradise – Vangelis
21. Absolute Beginners : Absolute Beginners – David Bowie
Disco 2
1. La Vie Est Belle : La Vita E Bella – Nicola Piovani
2. Il Etait Une Fois En Amérique : Cockey’s Song – Ennio Morricone
3. Lisbone Story : Ainda – Madredeus
4. Il Etait Une Fois Dans L’ouest : L’homme A L’harmonica – Ennio Morricone
5. Le Bon, La Brute Et Le Truand : Le Bon, La Brute Et Le Truand – Ennio Morricone
6. Blade Runner : Main Titles – Vangelis
7. Traffic : An Ending – Brian Eno
8. Le Grand Bleu : The Big Blue Overture – Eric Serra
9. L’exorciste : Tubular Bells Part 1 – Mike Oldfield
10. Midnight Express : Theme From Midnight Express – Giorgio Moroder
11. Le Professionnel : Chi Mai – Ennio Morricone
12. La Double Vie De Véronique : Concerto En Mi Mineur – Zbigniew Preisner
13. La Liste De Schindler : John Williams Theme – Compilation
14. La Liste De Schindler : Ainsi Parlait Zarathoustra – Compilation
15. La Liste De Schindler : La Chevauchée Des Walkyries – Compilation
16. La Liste De Schindler : Theme From Star Wars – Compilation
17. La Liste De Schindler : Carmina Burana (Extraits) – Compilation
18. La Panthère Rose : Pink Panther Theme – Henry Mancini
19. James Bond : James Bond Theme – John Barry
20. Mission : Gabriel’s Oboe – Ennio Morricone

Mike nei guai per video a luci rosse

Londra, 24 nov. Mike Oldfield, il musicista inglese famoso per l’album “Tubular Bells”, è finito nei guai a causa di alcuni video a luci rosse. Secondo quanto afferma il tabloid “Mirror”, l’ex fidanzata 24enne del musicista, la francese Fanny Vandekerchove, avrebbe intenzione di vendere alcuni video sexy in cui Oldfield compare vestito da donna. Oldfield, 48 anni, si è difeso spiegando che si trattava di “serate divertenti” e che “era Fanny a desiderare il travestimento perché è bisessuale. Il suo comportamento è disgustoso“. La decisione di Fanny, che ha offerto i video allo stesso tabloid che ha però rifiutato di acquistarli, nascerebbe da furiose liti economiche susseguenti alla loro separazione: la donna avrebbe chiesto a Oldfield 250 mila sterline, circa 700 milioni di lire.
Qualche anno fa Oldfield mise un annuncio su un giornale di Ibiza per trovare una nuova moglie.
Articolo originale apparso su Mirror.co.uk

mirror_241101

Tubular Bells

La nuova compilation francese “Ushuaïa” contiene un mix di brani tra cui anche un’estratto di Tubular Bells. Potete ordinarlo su Amazon.fr.

Lista brani
1. Lucia di Lammermoor – Inva Mulla Tchako
2. Conquest of Paradise – Vangelis
3. Ave Maria – Noa
4. Moments in love – Art of Noise
5. Memoria – Nouvelles Polyphonies Corses (les)
6. Trigger hippie – Morcheeba
7. Tubular Bells – Mike Oldfield
8. Bilitis generique – London Symphony Orchestra
9. Polegnala e pschenitza – Mystere des Voix Bulgares (le)
10. Starlight in Daden – Ekova
11. Londinium – Archive
12. Falling – Angelo Badalamenti
13. Ask the mountains – Stina Nordenstam
14. I will find you – Clannad
15. Sama yoon – Rene Marc Bini
16. Akh ti notchenka – Bielka Nemirovski
17. Ushuaia nature – Serge Perathoner

Intervista a Total Guitar

Mike Odlfield On Fingerpicking
Total Guitar – October, 2001

With a new Best of Tubular Bells collection in the shops, TG caught up with Mike Oldfield to see how the guitar has shaped his music…

For many, Tubular Bells remains the defining work of Mike Oldfield with its haunting piano theme (tabbed for guitar in TG 83) and multifaceted arrangement. The truth is though, during a 30-years plus career it would be wrong to tag him only as a composer of long instrumentals. Indeed, not only did he create songs like Family Man (a UK hit for US duo, Hall and Oates, in 1983), Moonlight Shadow (1983) and To France (1984) but also music to films like The Killing Fields (1984).

However, at the heart of his creativity lies a well-honed guitar ability derived both from early days in folk clubs watching guitarist like Bert Jansch, John Renbourn and Al Stewart and also playing his own music. Be it agile finger picking or adding a searing solo for a song, he has a very distinct style and it was this ability that we discussed when TG were invited to his lavish home studio recently.

Picking Technique

With either an electric or acoustic in his hands, his picking technique shows a mastery of claw hammer (picking with thumb and first two fingers) and beyond. Figs 1 and 3 more than prove this, with challenging fingerpicking that is still fundamentally derived from a claw hammer technique honed on tunes such as Davey Graham’s classic Anji. This takes on another facet when he picks up his well used ’62 Strat to play a solo using distortion and wah. With each finger (including the little finger) dedicated to a string, he keeps them silent until they need to be picked while the tremolo bar is secured in his palm ready for use. He can use a pick, but finds this way has advantages. “I think using a pick creates more attack noise,” he states. “However, if I stop the stings with my fingers and pick with fingernails it’s cleaner. I like 24-fret-equipped guitars to bend up to a high G (a virtual 27th fret) but releasing it without producing noise is difficult, so the fingers stopping on the strings really helps.”

Vibrato and Grace Notes

“Most guitarists do vibrato by bending the string up and down, but I prefer a violinist’s vibrato, which is along the length of the string. In addition, I like to make a note speak with vibrato and depressing a wah’s pedal for a vowel-like sound.”

It’s not only vibrato that makes his playing unique though: when we discuss his hammer-ons and pull-offs (noticeable in all three examples here), Mike references them to his early folk days listening to Celtic and similar pieces. “I think of them like grace notes on bagpipies: you can’t stop the instrument sounding, so the only way you can break phrases up is to add grace notes. It’s so ingrained that I often add trills to add colour to a phrase as well as add emotion to single notes that’s different to blues-type bending.”

Voyager e The Songs Of Distant Earth

La WEA Francia annuncia l’uscita del set di 2 CD “Voyager / The Songs Of Distant Earth” per l’8 ottobre 2001. Potete ordinarlo su Amazon.fr.

La lista dei brani
Disco 1
1. The song of the sun
2. Celtic rain
3. The hero
4. Women of ireland
5. The voyager
6. She moves through the fair
7. Dark island
8. Wild goose flaps its wings
9. Flowers of the forest
10. Mont st michel

Disco 2
1. In the beginning
2. Let there be light
3. Supernova
4. Magellan
5. First landing
6. Oceania
7. Only time will tell
8. Prayer for the earth
9. Lament for atlantis
10. The chamber
11. Hibernaculum
12. Tubular world
13. The shining ones
14. Crystal clear
15. The sunken forest
16. Ascension
17. A new beginning

Cronistoria

Cari amici, questa è la cronaca del PRIMO RADUNO NAZIONALE DEI FANS ITALIANI DI MIKE OLDFIELD, del 22/23 settembre 2001 a Pieve di Ledro (TN):

Il Raduno si è tenuto sulle rive del bellissimo lago di Ledro, a pochi km da Riva del Garda, e giunto finalmente l’agognato sabato 22 settembre, ci siamo trovati fin dalle 10:00 del mattino al punto prestabilito, fra tutti noi fans del grande Mike.

Gli arrivi si sono susseguiti fino quasi alle 11:30 e dopo le presentazioni (per la cronaca abbiamo avuto la presenza di ben tre donne), siamo andati tutti al buffet per dei aperitivi di benvenuto, analcolici e non, e degli ottimi salatini. Tutto questo serviva per scaldarci un po’, visto che il tempo uggioso tendeva a dar noia con la pioggerellina che sfocava il bel paesaggio del lago.

Prima di pranzo siamo stati alla “Proloco” dove il simpaticissimo Angelo Pellegrini aveva provveduto ad allestire il locale con panchine, impianto stereo per le audizioni ed una tv con videoregistrazione. La cordialità degli organizzatori ha fatto sentire ai molti pervenuti un calore amico, anche se era la prima volta che ci conoscevamo.

Il Webmaster Giuliano ha dato il benvenuto e omaggiato ciascun partecipante di una maglietta del Fanclub e di un CD-Rom con l’intervista a Mike sul progetto MusicVR. Penso di poter dire, anche a nome degli altri partecipanti, che la cosa è stata gradita moltissimo e lo ringraziamo anche per il sito del club.

Il pranzo è stato il momento di riunione a tavola, un ottimo tris di primi, secondi, bevande e caffè… Per il digestivo, la parte del leone lo ha fatto il PICCO ROSSO, un liquorino che ti mette in moto, visti i suoi 61 gradi alcolici. Chi sa che composizioni musicali si potrebbero realizzare dopo un bel litrozzo.

Il pomeriggio è stato trascorso alla Proloco, dove fra una battuta e l’altra, un ascolto di rarità e uno scambio di cimeli oldfieldiani vari, siamo arrivati a vedere il filmato del concerto di Udine ’99, seguito in religioso silenzio dai partecipanti.

Prima di cena abbiamo visitato il museo della Farmacia del paese, dove si distilla il Picco Rosso naturalmente, dopodiché via di corsa a visitare le trincee del ’15/’18 (un po’ di moto non stona mai), aperitivo al rifugio dell’Faggio e poi all’albergo per la cena a base polenta di patate, funghi, salsicce in pevarà, cervo, coniglio, il tutto annaffiato dal’ottimo vino del posto.

Il dopo cena è stato allietato dalla sapienza chitarristica di Angelo Musitano che ha riproposto per un paio di ore, in modo molto fedele, tantissimi brani del nostro idolo. Un grazie a lui per l’esibizione e complimenti per l’esecuzione davvero certosina.

La domenica ritrovo a colazione, poi alla Proloco per la visione di una videocassetta della prova di studio in casa di Mike di Tubular Bells II, vera chicca portata da Leonardo di Firenze. Un filmato veramente bello e raro, per vedere come si possa arrivare alla perfezione poi nell’eseguire il concerto live. Grazie Leonardo per averci permesso di vedere e apprezzare così tanta bellezza musicale.

Il pranzo è stato un altro bellissimo momento di socialità rallegrata dalle TUBULAR PIZZA, come avrete avuto modo di vedere dalle foto. In poche parole il pizzaiolo ha rifatto il logo di Tubular Bells con gli asparagi su tutte le pizze ordinate.

Dopo pranzo ci siamo ritrovati alla Proloco dove pian piano ci siamo salutati e ciascuno è rientrato a casa propria non senza sentire nostalgia per i nuovi amici conosciuti.

Questa voleva essere un breve cronaca dei due giorni del Raduno, dove molte cose sono state dette e raccontate. Una cosa che ci ha dato in particolare, è che l’amore per la musica di uno dei più grandi polistrumentisti esistenti, ha fatto in modo di trovarci insieme per la prima volta, a vivere questa prima bellissima esperienza, di una lunga serie si spera.

Un ringraziamento a tutti quelli che hanno avuto la possibilità di partecipare e soprattutto a quelli che pur non avendo partecipato, ci sono stati vicini anche col solo pensiero.

Carlo Coatto